perché Giarre non resti un quartiere dormitorio

Via Romana è diventata la tangenziale est di Abano. Manca qualsiasi controllo e limitazione della velocità. Per chi vive nel borgo anche uscire di casa è un problema. Stessa cosa per gli automobilisti entrare e uscire in macchina dalla stazione. Va molto peggio per i ciclisti e pedoni: la rotonda di via Pio X è l’unica fra le tante rotonde delle circonvallazioni di Abano senza passaggio ciclopedonale rialzatoE sarà molto peggio se si farà il nuovo centro commerciale davanti alla villa Mocenigo.

Ci sono 14 treni con fermata ad Abano-Giarre nei giorni feriali e 7 il sabato e festivi. Ma il percorso per arrivare a piedi o in bici alla stazione è indegno di un paese civile

I cittadini di Abano per andare a Padova nei fine settimana hanno 25 autobus al giorno di sabato e 14 di domenica

I cittadini di Giarre per andare a Padova nei fine settimana hanno 11 autobus di sabato in orario scolastico e nessun autobus nei giorni festivi

Un quartiere senza servizi socio-sanitari per gli anziani, senza scuolabus, senza piste ciclabili sicure per andare ad Abano, con pochi autobus per Padova e nessun autobus nei giorni festivi E’ UN QUARTIERE DORMITORIO!

 

CHIEDIAMO al sindaco di prendere atto di questo stato di cose e di presentare al quartiere le proposte per migliorare almeno le condizioni minime essenziali perché questo quartiere non resti un dormitorio: servizi socio-sanitari per gli anziani, trasporto pubblico locale e scuolabus, sicurezza per ciclisti e pedoni per raggiungere la stazione ed attraversare via Romana


Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.