Di mal d’aria si muore, “vabbè, ma di morte lenta” (F. De André)

L’aria della Pianura Padana è tra le peggiori d’Europa. Secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA) oggi l’inquinamento atmosferico provoca 461 mila decessi prematuri l ’anno solo in Europa, 20 volte di più delle vittime per incidenti stradali. Piemonte, Lombardia e Veneto in giugno 2017 hanno fatto un accordo per ridurre le emissioni inquinanti nel Bacino Padano. L’accordo prevede (art. 6 pag. 13) che sia data informazione al pubblico pubblicandone il testo sui propri siti Intenet istituzionali. Non cercatelo nel sito del Comune di Abano perché non c’è (nella copia allegata sono evidenziate le pagine ed i punti importati inquinamento_aria_Bacino_Padano_Accordo_di_programma_2017).

Quando il PM10 supera i 50 microgrammi per metro cubo ed è la regola dai dati ARPAV (li trovate qui ) dovrebbero scattare una sere di misure e fra questa anche il “Divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso”. Spegnere il motore quando la macchina è in sosta significa cambiare il modo di pensare di centinaia di migliaia di persone. Ma si cambia idea se siamo  informati e consapevoli di quanto è importante difendere la salute oltre che la qualità della vita sociale. Chiediamo quindi all’amministrazione di avviare quanto prima una campagna di comunicazione, per esempio anche  con i pannelli luminosi stradali, per chiedere a tutti di spegnere la macchina quando si è fermi o di parcheggiare e fare quattro passi a piedi. Se non si fanno queste piccole cose che non richiedono soldi né delibere né ordinanze si deve pensare che è per ignoranza o per indifferenza. E non sappiamo quale delle due sia peggiore.

L’aria della Pianura Padana è tra le peggiori d’Europa

Be Sociable, Share!
This entry was posted in Vivibilità del quartiere, ambiente. Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post. Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Per lasciare un commento sono necessari nome ed email, la redazione si riserva la facoltà di cancellare commenti non rispettosi degli altri. Campi obbligatori*

*
*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


4 + quattro =